Lettera al Maestro

print

BudoQueste sono le cose che mi rendono un Maestro felice ed onorato. Avere studenti così al mio seguito che sanno donarti questi momenti per farti sentire diverso, non ha prezzo. Uomini maturi, padri di famiglia, dirigenti di multinazionali, che giorno dopo giorno, anno dopo anno, con umiltà e dedizione si impegnano duramente in quel processo di crescita spirituale che li conduce verso la Via anche se non più in giovane età. Un grande esempio di maturità marziale che pochi sanno raggiungere e veramente esprimere. Una rarità in questo contesto di modernità che ha fatto perdere tanti di quei valori che sono alla base di una corretta educazione, del concetto di rispetto, di sacrificio e del senso di famiglia.
E così, dopo due giorni di dure prove per l’ammissione agli esami internazionali di cintura nera, ecco che aprendo le mie mail, trovo tra le molte, uno di quei messaggi che ti aprono il cuore e ti fanno pensare profondamente sui valori e le responsabilità che noi Maestri abbiamo in questa vita nei confronti di chi ci segue con fiducia e fedeltà.

“Buonasera Shihan,
mi permetto di scrivere due righe per esprimere il mio stato d’animo.
Oggi sono una persona felice, felice come un bambino che ha ricevuto un dono inaspettato.
Quando Diego, questa mattina, mi ha invitato a prendere posto sul tatami assieme agli esaminandi mi si è aperto il cuore.
Mettermi dall’altra parte della barricata è stata la cosa più naturale del mondo, nessuna incertezza, nessuna tensione ha turbato quel momento. Tutti i dubbi che avevano frenato la mia richiesta di partecipare alla sessione d’esame di colpo svaniti. E’ rimasta solamente la gioia di fare Karate assieme a tutti gli altri.
Spero che il mio comportamento sia stato corretto, la prestazione dignitosa, e soprattutto, di non aver deluso le sue aspettative.

Domo arigato”

Che altro dire?

Giovanni Di Meglio Shihan
Presidente Internazionale YKKF