Karate e Jujutsu, le “discipline” perfette per tutte le età

print

Ci sono discipline sportive per tutte le età e per tutte le inclinazioni. Poi ce ne sono altre, come il Karate o il Jujutsu, che sembrano essere adatte a tutti, senza nessun tipo di distinzione. Prima di capirne i motivi, partiamo da un punto molto interessante: il tatami è soprattutto una palestra di conoscenza. E visto che non si finisce mai di imparare, le fondamenta di questi sport fanno si che tutti possano trarne benefici. Ai più piccoli consente di migliorare la propria coordinazione psico-fisica, acquisendo rispetto nei confronti del prossimo e sicurezza nel contatto fisico. Crescendo, può diventare una sua attività per dare sfogo allo spirito competitivo nel rispetto di regole ferree: è un modo efficace per individuare un obiettivo e portarlo avanti nel modo migliore, focalizzando le proprie energie.  Per gli adulti subentra l’aspetto mentale, perché andando avanti con gli anni creiamo dei blocchi che limitano le nostre attività. Attraverso il Karate e il Jujutsu possiamo superarli, inserendoci in un gruppo di persone guidate dall’obiettivo comune dell’apprendimento di una disciplina sportiva nel rispetto di un certo numero di regole condivise. E per chi è davvero in là con gli anni è il modo migliore per rendersi conto che quando la forza fisica viene meno, subentra quella mentale, e che sviluppandola e imparando a sfruttarla è possibile rimettersi in gioco praticando uno sport che tenga attivo il corpo proprio attraverso la mente.